arrow-rightbags-shoppingbeachbuildingcalendar-altcalendar-daycheckclockcultureinfo-circlekitchenlogo-cavallino-treporti-negativelogo-cavallino-treporti-verticallogo-cavallino-treportimap-beachmap-culturemap-landscapemap-marker-alt-lightmap-marker-altmap-naturemegaphonepawquestion-circlerestaurantsign-outslider-arrow-nextslider-arrow-prevsocial-facebooksocial-instagramsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubesportstar-altstar-half-altstarswimming-pooltagstimesuniversal-accessuploadwifiwildlife

On the road a Murano

Ti suggeriamo di partire la mattina, così da godere delle ore più fresche e avere Murano un po' tutta per te. Da Punta Sabbioni o Treporti l'isola si raggiunge facilmente con la linea 12 ACTV.

Durante la navigazione avrai il privilegio di essere immerso in una scenografia meravigliosa, disegnata dalla natura e ben conservata dall'uomo. Tutto ti sembrerà frutto della sapiente coreografia di un artista: il volo degli uccelli, la vegetazione mossa dal vento, il gorgoglio dei flutti d’acqua e, a far da sfondo in lontananza, il profilo di Venezia: un paesaggio che sembra sospeso nel tempo.

Arrivando la prima cosa che vedrai sarà il Faro di Murano, costruito nel medioevo in legno è stato ricostruito nel 1934 in pietra d'Istria. Pensa, pur essendo locato internamente nella Laguna di Venezia e non sul mare, nella sua prima versione in legno la luce era generata da fuochi accesi in cima e grazie ad un complesso gioco di specchi la sua luce arrivava al Porto del Lido ed aiutava le barche a rientrare di notte.
E' tutt'ora funzionante e merita decisamente una foto sui suoi enormi gradoni, dove si respirano tutte le leggende marinare che lo avvolgono.

Prima cosa da fare: ricaricarsi con un buon caffè in uno dei bar che troverai nelle calli. 
Fatto? Bene, ora sei pronto a cercare la fornace che fa per te ed ammirare la secolare arte del vetro soffiato. Ti accorgerai che le maggiori fornaci informano delle dimostrazioni con dei cartelli posti al loro esterno, c'è solo l'imbarazzo della scelta. 
Una volta osservata l'arte non metterla da parte, ma prosegui verso il Museo del Vetro di Murano. Fondato nel 1861 e ospitato a Palazzo Giustinian, antica residenza dei vescovi di Torcello, ti farà immergere nella storia e bellezza di questa magica arte tra i secoli.

Museo del Vetro di Murano
Fondamenta Marco Giustinian 8
aperto dal 1/11 al 31/03 dalle 10.30 alle 16.30
dal 1/04 al 31/10 dalle 10.30 alle 18.00
sito: http://museovetro.visitmuve.it 

Bene, ora arriva la parte più importante della giornata: pranzo in Osteria! Prenditi tutto il tuo tempo, goditi l'atmosfera e la pace di quest'Isola sospesa nel tempo gustandoti le freschezze dei prodotti locali dei nostri orti e della nostra Laguna, un'esperienza di sapori che da sola varrà tutta la giornata!

Per smaltire il pranzo ti portiamo a far due passi nella parte più culturale dell'isola. Murano difatti non è solo arte vetraia, un tempo contava ben 18 tra chiese, conventi e monasteri, successivamente al passaggio di Napoleone Bonaparte sull'isola ne restarono solo tre, purtroppo le altre furono saccheggiate e distrutte ed oggi è ancora possibile vederne i resti sparsi tra i vari isolotti.

La prima chiesa che ti suggeriamo di visitare è la Basilica dei Santi Maria e Donato anche chiamato Duomo di Murano, locata nell'isola di San Donato.
Inizialmente dedicata alla Vergine Maria, cambiò successivamente nome nel 1125 quando arrivarono le spoglie del Santo Donato. Oltre al suo stile veneto-bizantino, importante e di gran meraviglia è il suo pavimento a mosaico, che segue la stessa trama di quello presente nella Basilica di San Marco a Venezia e, secondo gli esperti, contemporaneo.

Seconda tappa di questo percorso culturale è la chiesa di San Pietro Martire nell'isola di San Piero, anche questa nell'isola di San Donato. Se l'esterno ti sembrerà semplice, l'interno ti sbalordirà: in un mix di bianco e legno scuro sono conservate splendide opere di Tintoretto, Giovanni Bellini e Veronese, nonché un'enorme opera raffigurante l'Ultima cena posta vicino all'altare.

La terza chiesa sopravvissuta è la chiesa di Santa Maria degli Angeli anch'essa nell'isola di San Donato. Al suo interno vi sono conservate opere di Palma il Giovane e Pordenone. Trovandosi in una zona un po' più isolata dell'isola e non visitabile se non con appuntamento, ti consigliamo di raggiungerla solo se sei riuscito a prenotarne la visita o se ti resta qualche minuto in più prima del battello del rientro.

Allora cosa dici? Scarpe comode e macchina fotografica scalpitano di già?

Ti auguriamo una buona immersione nella storia e nelle leggende di quest'isola unica al mondo!

  • Certificazioni
  • Bandiera Blu
  • Spiaggia per i bambini
  • Comune Ciclabile FIAB
  • Unesco
  • EMAS
  • Partner
  • Comune Cavallino Treporti
  • Via dei Forti
  • Veneto - Land of Venice
  • Venice Sands
Top