arrow-rightbags-shoppingbeachbuildingcalendar-altcalendar-daycheckclockcultureinfo-circlekitchenlanding-artlanding-foodlanding-naturelanding-safetylanding-sportlanding-wellnesslogo-cavallino-treporti-negativelogo-cavallino-treporti-verticallogo-cavallino-treportimap-beachmap-culturemap-landscapemap-marker-alt-lightmap-marker-altmap-naturemegaphonepawquestion-circlerestaurantsign-outslider-arrow-nextslider-arrow-prevsocial-facebooksocial-instagramsocial-pinterestsocial-twittersocial-youtubesportstar-altstar-half-altstarswimming-pooltagstimesuniversal-accessuploadwifiwildlife
Le frittelle veneziane
Le frittelle veneziane

Le frittelle veneziane

Un assaggio di storia

Citate già nel 1300 come cibo “veneziano” le frittelle sono il primo street food della storia di Venezia. Venivano portate per le strade infilzate in lunghi bastoni e avevano il buco come le ciambelle.

Fatte in origine con ingredienti semplici, la pasta del pane un po’ più lievitata con aggiunta di pinoli e uvette il tutto tuffato nell’olio bollente, con l’andare del tempo hanno preso le sfumature del luogo o a volte della famiglia in cui venivano preparate.

A Venezia le trovate classiche con le uvette, con lo zabaione, con le crema chantilly o vuote. Ma ricordate le vere veneziane sono solo quelle passate nello zucchero in grani, diffidate dallo zucchero a velo!

Qui a Cavallino Treporti ogni famiglia tramanda la propria ricetta, ognuna gelosa del proprio ingrediente segreto.

Ricetta e ingredienti

 

Qui vi proponiamo le frittelle della signora Anna

- 5 uova
- 5 cucchiai di zucchero
- ½ bicchiere di vino bianco
- 5 cucchiai di olio di semi
- Buccia di limone grattugiata
- Buccia di arancia grattugiata
- 1 mela grattugiata
- 1 bustina di lievito per dolci
- Uvetta q.b.
- Sale q.b.
- Farina q.b. 

 

Procedimento

 

Mescolate tutti gli ingredienti fino ad ottenere un composto piuttosto denso. Lasciate riposare l’impasto per mezz’ora.

Fate scaldare l’olio bollente e versarvi il composto a cucchiaiate. Le frittelle si gonfieranno e prenderanno un bel colore dorato. Toglietele con una schiumarola dall’olio e passatele su carta assorbente. Spolveratele con lo zucchero a velo o a grani, fate voi! E buon appetito!

 

Altro su Sapori

Presidi Slow Food che deliziano il palato
Presidi Slow Food che deliziano il palato
Asparagi e capesante
Asparagi e capesante
Il Gazpacho di Cavallino-Treporti
Il Gazpacho di Cavallino-Treporti
Cavallino a Km 0
Cavallino a Km 0
Tra gusto e sapori del territorio
Tra gusto e sapori del territorio
Orto e mare nel piatto
Orto e mare nel piatto
  • Partner
  • Comune Cavallino Treporti
  • Via dei Forti
  • Veneto - Land of Venice
  • Venice Sands
Top